SOCIAL & BUSINESS   

COME CREARE BUONI RAPPORTI CON LE PERSONE OGNI GIORNO

Capire e comprendere i comportamenti, le azioni e i messaggi che le persone ci mandano

 

Quanto è possibile creare buoni rapporti con tutte le persone?

A volte pare impossibile, soprattutto con alcune persone, che sembrano lontane "anni luce" da noi... o con gli adolescenti... o con chi "adulto" sembra non esserlo diventato mai!

Una delle prime regole che ho imparato che mi ha aiutato moltissimo è: SE VUOI PRENDERTI IL MIELE, NON TIRARE CALCI ALL'ALVEARE" (cit. Dale Carnegie)

Gli esseri umani per educazione, convinzioni ed esperienze, all'atto pratico, sono pronti a criticare, senza accogliere (non dico accettare!) le critiche che li toccano da vicino.
LA CRITICA è inutile, perché pone le persone sulla difensiva e le induce immediatamente a creare un muro e a giustificarsi. E' pericolosa perché ferisce l'orgoglio, fa sentire le persone impotenti e suscita risentimento.

B. F. Skinner (psicologo) ci insegna dai suoi esperimenti che, quando un animale che si comporta bene viene ricompensato, impara molto più velocemente di uno punito quando sbaglia e noi, esseri umani, non siamo diversi (studi fatti insegnano): CON LA CRITICA NON SOLO NON SI RIESCE A CORREGGERE GLI ERRORI, MA SI SUSCITA RISENTIMENTO.

"Siamo tanto smaniosi di approvazioni, quanto timorosi di critiche" (cit. H. Selye)

Il risentimento per le critiche ricevute può creare conflitto tra dipendenti, famigliari, amici, senza contribuire in alcun modo a migliorare!
Convinciamoci che la persona che cerchiamo di correggere o stiamo giudicando farà di tutto per difendersi e ritorcere l'accusa o cercherà di giustificarsi, portandoci le sue motivazioni e punti di vista (la usa logica e le sue convinzioni); risultato: "muro contro muro!"

 

Crowley "Two Guns" uno dei più famosi criminali della storia americana, arrivato al braccio della morte non disse cose del tipo "è la giusta punizione per i miei crimini", bensì: "Questa è la ricompensa perché mi sono difeso!"
"Ho speso i migliori anni della mia vita a procurare ai miei simili i migliori divertimenti, per aiutarli a vivere meglio, e la ricompensa è stata la calunnia e tutta un'esistenza da braccato", è Al Capone che parla e che si riteneva un benefattore. Tutti i peggiori criminali hanno avuto gli stessi comportamenti e spiegano con ragioni più o meno logiche il loro comportamento antisociale; se personaggi come quelli citati non si considerano affatto colpevoli, COME L'UOMO NORMALE DELLA STRADA COL QUALE VIVIAMO QUOTIDIANAMENTE, SI COMPORTA E PENSA?

"Ci vuole grande carattere e autocontrollo per capire e perdonare. Un grande uomo mostra la sua grandezza dal modo in cui tratta gli altri" (cit. Carlyle)

Quando domani tu ed io saremo tentati di criticare qualcuno, ricordiamoci di Al Capone, Crowley ecc. e convinciamoci che la critica è come un piccione viaggiatore: ritorna sempre da dove era partita, il risultato, la nostra azione NON SARA' VALSA A NULLA, se non a sfogarci per dimostrare le nostre ragioni e sentici importati, creando spaccature anziché ponti.

 

Impariamo invece a comprendere:
COSA PORTA LE PERSONE A COMPORTARSI O REAGIRE IN QUEL MODO?
Non si tratta di accettare, bensì comprendere ed entrare nelle ragioni e considerazioni di chi abbiamo di fronte, dall'altra CERCHIAMO E VALORIZZIAMO QUELLO CHE VIENE FATTO BENE (c'è sempre qualcosa!)
Ricordiamoci, nel trattare con le persone, che abbiamo a che fare con creature governate dalle EMOZIONI, più che dalla logica, impastate da convinzioni personali, dal bisogno di importanza, amore e sicurezza.

I MANAGER o I TITOLARI d'azienda si trovano spesso nell'istintivo impulso di riprendere (anche duramente) i propri collaboratori o dipendenti, il più delle volte ritrovandosi da lì a breve nella stessa condizione o errori.
Così GENITORI spesso provano l'irrefrenabile impulso di criticare i figli, non vi raccomando di non farlo, ma vi suggerisco di leggere "Father Forgets" qui un estratto:

Ascolta, figlio: ti dico questo mentre stai dormendo... continua qui => http://bit.ly/father_forgets

 

Impariamo a CAPIRE E COMPRENDERE i comportamenti, le azioni e i messaggi che la gente costantemente manda, è l'unica via per GUIDARLI E MOSTRARGLI ALTRE SOLUZIONI.

CERCA DI IMMAGINARE PERCHE' LE PERSONE FANNO QUELLO CHE FANNO E DICONO QUELLO CHE DICONO, è molto più utile ed importante che giudicare e criticare, senza contare che genera in te e negli altri stati d'animo più positivi e... "chi tutto sa, tutto perdona"

"Dio stesso, signor mio, non giudica nessuno prima che sia arrivata la fine dei suoi giorni. Perché dovremmo essere più precipitosi noi?" (cit. Dale Canagie)

Conoscete qualcuno che vorreste cambiare, migliorare? Perché non cominciare da te stesso? Da un punto di vista squisitamente egoistico, dà molto più profitto che migliorare gli altri e fa anche meno danni!

Inizia dalle cose piccole, allenati con queste e ogni settimana alza l'asticella e aumenta la sfida con te stesso, lasciandoti stupire.
Se desideri migliorare il tuo modo di comunicare, scegli di partecipare al corso COMUNICA EFFICACEMENTE NELLA VITA E NEL BUSINESS. Consulta qui le date e il programma >> http://bit.ly/2kRjJXf

 


 

Roberto Petruccelli - Relationship Coach  



TAG DELL'ARTICOLO: uomo